Perchè Sanremo è Italia

Sanremo.

Stanno emergendo ulteriori particolari relativi all’operazione “furbetti del cartellino”. Oltre alle videocamere piazzate vicino alle macchinette timbratrici sembra che siano stati installati anche degli innovativi lettori del pensiero. Queste straordinarie apparecchiature consentono di leggere nella mente delle persone e sono estremamente utili nel corso delle indagini, perchè aiutano a capire cosa realmente stavano facendo i dipendenti comunali.

Alcune anticipazioni stanno già circolando in rete e sono stupefacenti. Ne anticipiamo qualcuna, indicando ora e nome di fantasia (per ovvi motivi di tutela della riservatezza) delle persone controllate.

Ore 6,50 Giacomo. Dove ho messo tutti i badges? cavolo sono quasi le 7 e non abbiamo ancora timbrato. Ah, eccoli! allora incominciamo: e uno (bip), e due (ribip), e tre (aribip) …… e centocinquanta (ariririri….bip). Pfffff che fatica! Me lo sono proprio meritato un po’ di riposo,per cui ora vado al bar a leggermi i quotidiani. Vedi mai che abbiano arrestato qualche politico visto che sono tutti dei cornuti corrotti e dei gran ladroni. Ah, ma se comandassi io saprei cosa fare, per ominciare tutti in galera! Ma che fa questo qui dietro di me? è da dieci minuti che mi osserva. E’ proprio vero che la gente non si fa mai i cazzi suoi. Va beh, forse dovrà strisciare anche lui un po’ di badges e avrà fretta di tornare alle sue occupazioni.

Ore 7,00 Marco. Finalmente ha finito. Che vergogna, ogni volta è la stessa storia, cambia la persona ma chiunque arrivi ha una sfilza di badges da timbrare. Io l’ho detto al capo, ma dalla sua risposta evasiva ho pensato che anche il suo badge passi in quelle mani. Si, mi ha proprio detto così: ma non si preoccupi che le cose importanti sono altre. Dal suo punto di vista ha ragione, lui prende lo stipendio e in più ha una fiorente attività commerciale che ha sviluppato negli anni proprio grazie alle conoscenze che ha fatto con il suo lavoro pubblico. Mica posso mettermi contro di lui e contro tutte queste persone, anche se devo fare la loro parte di lavoro. Va beh (sospiro), strisciamo il badge e cominciamo la giornata (bip).

7,30 Anna. Presto presto, devo strisciare il badge di corsa (bip) che ho lasciato i bambini in auto in seconda fila e siamo in ritardo per la scuola.

7,31 Giorgia. Chissà perchè Anna aveva così fretta. Lei è una importante, forse avrà avuto qualche appuntamento con persone che contano. Beata lei che ha un lavoro così interessante. (bip)

8,01 Antonio. Eccoci qui, una nuova giornata schifosa sta per iniziare. Quasi quasi non striscio il badge e me ne vado in spiaggia a guardare le onde. Sì, ma poi chi porta a casa lo stipendio? e i miei bambini? da quando avevo segnalato quei colleghi che in orario di servizio facevano di tutto tranne che lavorare nessuno mi rivolge più la parola. E mi hanno anche demansionato. E hanno cercato in tutti i modi di dimostrare che sono io quello che ruba lo stipendio. Vermi schifosi. Chissà se un giorno arriverà qualcuno a fare giustizia, anche se sarà sempre troppo tardi. Dai Antonio, tappati gli occhi, il naso e il fondoschiena e combatti. (bip)

9,59 Paolo. Ciao macchinetta infernale. Non mi fotti, oggi ci ha già pensato Giovanni tre ore fa. Adesso passo un attimo in ufficio che devo fare un paio di telefonate e poi vado a fare la spesa che entro mezzogiorno mia moglie mi aspetta per pranzo.

N.d.A Fatti, persone e luoghi citati sono frutto della fantasia dell’autore e nulla hanno a che vedere con fatti realmente accaduti.

Sanremo cento anni fa.

Published in: on giovedì, 29 ottobre, 2015 at 12:56 pm  Lascia un commento  
Tags: , , , , , , , ,

venticinquemila

Dopo i 10.000 accessi all’home page stanno per arrivare a 25.000 le visite complessive alle pagine del blog.

Grazie a tutti voi che, con la vostra bontà, avete permesso a BLOG-ICO di raggiungere questi significativi risultati. Un incoraggiamento a continuare.

Published in: on martedì, 12 marzo, 2013 at 7:45 pm  Lascia un commento  

Alleanza PDL-PD e Renzi Presidente del Consiglio!

Questa la proposta-shock che Berlusconi potrebbe fare nei prossimi giorni a Bersani. L’ex presidente del consiglio non ha mai nascosto la propria simpatia per il sindaco di Firenze e il possibile accordo di desistenza tra PD-SEL e Movimento 5 stelle che si sta profilando in queste ore lo ridurrebbe a poco più che una comparsa nel nuovo Parlamento.

Immagine

Ecco allora aprirsi la strada ad una proposta veramente scioccante: un governo di legislatura sulla falsariga della Grosse koalition tedesca, in cui i due blocchi finora rivali potrebbero disporre di una maggioranza schiacciante sia alla Camera che al Senato, anche se si sfilassero i rappresentanti di SEL.

Più in particolare alla Camera dei Deputati la coalizione disporrebbe di 427 voti su 630 (68%) e al Senato di 221 su 315 (70%). Questi numeri danno l’idea del perché Berlusconi potrebbe avanzare la proposta di affidare ad un esecutivo guidato da Renzi i prossimi cinque anni. Anni che gli servirebbero per disinnescare la “bomba” Grillo e per poter modificare finalmente la Costituzione senza dover sottostare al referendum popolare. Si, perché la riforma costituzionale che venisse approvata dai due terzi del Parlamento non avrebbe bisogno di nessun referendum per diventare operativa.

E avendo come presidente del Consiglio Renzi, gradito sia a destra sia a sinistra, si potrebbero superare molti ostacoli, ivi compresa la resistenza della base dei due schieramenti.

Ora il pallino è nelle mani di Bersani che deve trovare il modo di costituire un possibile assetto di governo. O un esecutivo di scopo, con l’appoggio esterno di Grillo, che traghetti l’Italia verso nuove elezioni a breve termine e serva per fissare poche e nuove regole (conflitto d’interessi, assegnazione delle frequenze televisive, legge elettorale, legge anticorruzione, riduzione dei costi della politica). Oppure una suggestiva alleanza con i rivali di sempre, con cui ha però già condiviso il sostegno al governo Monti negli ultimi dodici mesi.

Già, Monti. In un quadro simile come potrebbe collocarsi la quarta forza parlamentare? Certamente non dispone dei numeri per orientare le scelte del partito di maggioranza relativa, né per suscitare motivo di interesse nel Movimento 5 stelle. Una Grosse koalition alla tedesca invece…

Chi è stato? (quattro)

Chi ha denunciato pubblicamente che:

“I gruppi mafiosi non sono certo in grado di penetrare nella progettazione o negli interventi di alta ingegneria gestionale. ma sono sicuramente capaci di intervenire in tutte le fasi successive. Come dimostra la storia di questi decenni, essi hanno avuto la capacità di formare una serie di società in grado di acquistare e gestire autocarri per movimentare via gomma, soprattutto in ambito locale, i materiali utili alla costruzione di un’opera, grande o piccola che fosse. Nello stesso tempo sono stati capaci di assicurarsi una penetrazione nelle ditte fornitrici di materiali impiegati nei cantieri, a cominciare dalla materia prima, ossia il cemento. E oramai assodata l’esistenza di un vero e proprio «ciclo del cemento», che in ogni suo passaggio offre enormi opportunità alle organizzazioni criminali, a partire dal controllo delle cave e degli alvei dei fiumi per l’estrazione della sabbia e degli inerti”?

Published in: on domenica, 26 aprile, 2009 at 10:04 am  Comments (1)  
Tags: , , , ,

L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.

repubblica

Uno Stato che invia i propri Carabinieri all’estero in missioni di pace ed è costretto a ricorrere a reparti dell’Esercito per il controllo del territorio nazionale.

Uno Stato che disincentiva in tutte le maniere possibili i propri dipendenti più motivati e impegnati.

Uno Stato che – in costante indisponibilità di posti nei Centri di permanenza temporanea – vanifica qualsiasi attività di contrasto e controllo dell’immigrazione clandestina.

Uno Stato che – in totale presenza di bizantinismi normativi e di garantismo esasperato – non trova altra soluzione al problema delle carceri che la liberazione dei detenuti, rinunciando, di fatto, al principio basilare della certezza della pena.

Uno Stato che regola la ‘dichiarazione antimafia” con un’autocertificazione del diretto interessato, ed accorcia i tempi dei processi con l’istituto del “patteggiamento”.

Uno Stato che fornisce ai suoi operatori un “Codice per gli stranieri” più grosso, centimetro alla mano, dell’insieme del Codice penale e del Codice di procedura penale.

Un Paese, come scrive Diamanti “dove le politiche urbane, più che le amministrazioni, le improntano gli immobiliaristi; quelle del lavoro, facendo di necessità virtù, le praticano gli imprenditori, mentre quelle educative sono, da anni, al centro di riforme e riformicchie che procedono per prove ed errori. Un taglio qui e un rammendo là.

(Francesco Carrer, La città di Ventimiglia: la realtà socio-economico criminologica, rapporto di ricerca, 2006)

Published in: on domenica, 5 aprile, 2009 at 1:42 pm  Lascia un commento  
Tags: , , ,

I costi (e i guadagni) della politica

Finalmente so come utilizzare i 176,98 euro che mi sono stati consegnati come gettoni di presenza per l’attività di consigliere comunale dal maggio 2006 ad oggi. Mia moglie ringrazia sentitamente tutte le persone che hanno espresso il loro voto.

Votes
Siccome da due anni e mezzo sopporta questa tua ulteriore attività, risarcisci parzialmente tua moglie con una cena al ristorante (però neanche troppo caro) 45,00%
Considerali come un rimborso parziale per le spese che hai sostenuto in questi due anni e mezzo 15,00%
La politica a questi livelli è puro volontariato per cui metti la cifra a disposizione di Uniti per Vallecrosia 10,00%
Donali ad una ONLUS 10,00%
Offrili a Tremonti come contributo per salvare l’economia italiana 10,00%
La politica a questi livelli è puro volontariato quindi restituisci la somma al Comune 0,00%
Se non si offende per la cifra donali ad una famiglia di Vallecrosia che abbia dei problemi economici 0,00%
Fatti un viaggio a Montecarlo o a Sanremo 0,00%
Dalli a me (poi in privato ti dirò chi sono) 0,00%
Other answer… 10,00%

Per i diffidenti ed i malpensanti: questo è il mandato di pagamento effettuato dal Comune di Vallecrosia.

100% trasparenza

100% trasparenza

Published in: on lunedì, 8 dicembre, 2008 at 5:45 pm  Comments (2)  
Tags: , , , , , ,

Mimmo

Ieri è morto il Partigiano “Mimmo” Domenico Donesi di Caivano (NA)

La sua storia è stata resa pubblica un anno e mezzo fa da Mec Fiorucci che, raccogliendo le testimonianze degli ultimi sopravvissuti della lotta di Resistenza a Vallecrosia (IM) scoprì che Mimmo salvò la vita ai famigliari di Alberto Guglielmi detto “Nino”, un altro partigiano che venne trucidato dai tedeschi a Baiardo (IM).

In una notte del gennaio del 1945 Mimmo, remando nel maltempo per 15 miglia nautiche, portò in salvo in Francia il padre di Nino, la sorella Emilia e il piccolo fratello Bruno di 4 anni.

Negli ultimi tempi Mimmo era molto deluso e demoralizzato non solo per i suoi problemi personali, ma soprattutto per la situazione del Paese.

Osservando quanto sta accadendo in Italia e ricordando la sua esperienza partigiana e la morte del suo amico Nino, ripeteva sconfortato “Non so se ne è valsa la pena”.

Chi ha conosciuto Mimmo e gli altri partigiani sa che ne è valsa la pena, perchè la storia richiede periodicamente all’umanità dei sacrifici che solo gli uomini più grandi sono in grado di sostenere.

Provino vergogna e vadano a nascondersi tutti quelli che non sanno o non vogliono riconoscere la grandezza di queste persone.

Mimmo ci ha lasciati, gigante in un mondo sempre più affollato di nani.

Published in: on domenica, 16 novembre, 2008 at 1:52 pm  Comments (1)  
Tags: , , , , , , ,

Chi l’ha detto? o meglio: dove sta scritto?

“Poi, il mercato edilizio dava segni di saturazione, per quell’estate si prevedeva già una piccola flessione nelle richieste, due o tre imprese che avevano fatto il passo più lungo della gamba si trovarono nelle cambiali fino agli occhi e fallirono. Il prezzo fissato in un primo tempo per il terreno della vaseria bisognò abbassarlo. Passavano i mesi, passò un anno, e non s’era trovato ancora il compratore. La banca non voleva più anticipare le rate delle tasse e minacciava un’ipoteca”.

Troppo facile! Più della metà dei lettori del blog ha indovinato. Si tratta del racconto profetico “La speculazione edilizia” scritto nel 1963 da Italo Calvino. I pochi che hanno creduto che si trattasse di un blog o delle memorie di un ex-proprietario terriero o ancora di un verbale di consiglio comunale ponentino hanno toppato. O forse hanno sbagliato volutamente, con malizia.

Nessuno comunque ha solo lontanamente pensato che la frase fosse estrapolata dalle colonne di un quotidiano e men che meno dai verbali di un ipotetico interrogatorio di un ex-politico o di un imprenditore concusso.

Il testo completo del racconto può essere visualizzato cliccando QUI. Ve lo consoglio.

Published in: on giovedì, 2 ottobre, 2008 at 4:09 pm  Commenti disabilitati su Chi l’ha detto? o meglio: dove sta scritto?  
Tags: ,

Un vero uomo

Piazza Eroi Sanremesi, pochi passi oltre l’uscita nord del mercato annonario. Sono le 10 di mattina e fa caldo, molto caldo. Scende una pioggia fine, che stempera un poco l’afa.

Nel viavai di persone cariche di borse della spesa traboccanti verdura e frutti, un uomo si affanna ad inseguirle una ad una per mettergli in mano o nella borsa dei fogli di carta. Non sono fogli di carta qualunque, sono volantini. Riconosco l’uomo, lo saluto e decido di aiutarlo in questo lavoro ingrato, sotto la pioggia, fino all’ultimo volantino. Alcuni ci evitano. Altri, quando capiscono il contenuto del volantino, ci guardano di traverso. Molti sorridono e annuiscono. Qualcuno si ferma e commenta. Nel nostro piccolo ci sentiamo importanti perchè tra pochi giorni ci sarà il referendum che approverà o boccerà la riforma costituzionale voluta e approvata dalle destre e sappiamo entrambi che bisogna fare tutto ciò che è umanamente possibile per salvare la Costituzione. Per difendere la libertà di tutti.

I volantini finiscono, la pioggia no. L’uomo risale sulla sua automobile e, dopo avermi salutato calorosamente come sempre, riparte.

Se il 26 giugno 2006 la nostra Costituzione si è salvata è anche e soprattutto grazie a uomini come lui, Giorgio Giovannelli.

Ci manchi Giorgio!

Ci manchi Giorgio!

Published in: on giovedì, 2 ottobre, 2008 at 2:36 pm  Lascia un commento  
Tags: , , , , ,

Vietato agli ebrei

SONO PASSATI 70 ANNI

DALLA VERGOGNA DELLE LEGGI RAZZIALI

PROSEGUE PER TUTTA LA SETTIMANA

LA MOSTRA DOCUMENTALE A VALLECROSIA

CON ORARIO 9-12 E 15-19

* cliccare sopra la locandina per ingrandirla *

Published in: on lunedì, 22 settembre, 2008 at 8:53 pm  Lascia un commento