Quando in Parlamento vanno come razzi.

A volte mi chiedo se l’ignoranza che ormai dilaga non sia frutto di precise scelte strategiche. Altro che scie chimiche e microchip. Se un complotto esiste davvero è quello organizzato ai danni della cultura e dell’informazione. A parte il fatto che i migliori cervelli li stiamo esportando in tutto il mondo, stiamo sfornando masse di individui senza senso critico. Che si indignano davanti alle ingiustizie (vere, finte o presunte) che vengono loro propinate su facebook o da programmi televisivi come Le Iene, salvo poi non far nulla per capire cosa succede oltre gli schermi dei loro smartphone, delle loro tv e dei loro pc e per provare a cambiare le cose.

E a volte capita che anche persone ragionevoli prendano per buone delle notizie sul cui fondamento è lecito nutrire più di un dubbio.

Ad esempio la riforma della Costituzione, che il Parlamento sta faticosamente portando avanti, si propone tra l’altro di abolire il bicameralismo perfetto. Cioè si vuole escludere che il futuro Senato approvi le leggi, lasciando l’esclusiva alla Camera dei Deputati. L’argomento che viene portato a sostegno è semplice da capire: oggi le leggi vanno approvate da ciascuna delle due Camere in tempi successivi. Se in un passaggio il testo viene modificato, anche solo di una virgola, deve tornare all’altra Camera. E così potenzialmente all’infinito, tanto che questo andirivieni delle leggi viene chiamato navetta, proprio come un treno o un pullmann che va avanti e indietro da due capolinea.

Abolire la potestà legislativa del Senato vorrebbe dire quindi avere la certezza di poter approvare le leggi in tempi ragionevoli. Non più anni ma mesi, forse settimane. Così mi sento dire da tutte le persone che me ne parlano.

Ma è davvero così? non è che certe leggi invecchiano in Parlamento per anni solo perchè nessuno ha interesse ad approvarle mentre altre, magari, vengono approvate un po’ più rapidamente?

razzi

Provo a fare due esempi per spiegarmi meglio.

Il 27 giugno 2006 Ignazio Marino, l’attuale Sindaco di Roma, presentò al Senato un disegno di legge sul cosiddetto testamento biologico.

Il 2 luglio 2008 l’attuale Ministro dell’interno Alfano presentò un disegno di legge che prevedeva la sospensione dei processi penali nei confronti delle più alte cariche dello Stato.

Verrebbe da dire che tra i due argomenti quello che ci interessa come cittadini e che riguarda un po’ tutti è il primo. Chi non vorrebbe scegliere cosa farsi fare e cosa no nel momento in cui non fosse più in grado di decidere perchè irreversibilmente privo di coscienza? Il secondo argomento invece sembrerebbe meno urgente, perchè alla fin fine riguarda quattro cittadini (i Presidenti della Repubblica, del Senato, della Camera e del Consiglio dei Ministri), magari importanti, ma sicuramente così autorevoli da poter aspettare, visto poi che da loro ci si aspetterebbe di tutto ma men che mai dei comportamenti delittuosi.

Come sono finite le due vicende? Dopo nove anni della legge sul testamento biologico si sono perse le tracce. L’altra legge, diventata famosa come “Lodo Alfano”, fu approvata in 20 giorni.

No, non è un errore. Il Parlamento in quel caso approvò una legge in soli venti giorni. Come è stato possibile? Vediamo insieme ciò che è successo:

– 2 luglio 2008: Alfano presenta alla Camera il disegno di legge

– 8 luglio 2008: le commissioni affari costituzionali e giustizia della Camera iniziano l’esame del testo

– 9 luglio 2008: le commissioni approvano il testo

– 9 luglio 2008: la Camera dei Deputati inizia la discussione del testo

– 10 luglio 2008: la Camera approva

– 10 luglio 2008: il Senato riceve il testo dalla Camera

– 14 luglio 2008: le commissioni affari costituzionali e giustizia del Senato iniziano l’esame del testo

– 17 luglio 2008: le commissioni approvano il testo

– 21 luglio 2008: il Senato inizia la discussione del testo

– 22 luglio 2008: il Senato approva in via definitiva il “Lodo Alfano”, e voilà! si sospendono immediatamente tutti gli eventuali processi penali a carico delle quattro più alte cariche dello Stato.

Stop ai cronometri: sono passati 20 giorni esatti, un record! E poi c’è chi dice che il Parlamento italiano ci mette anni ad approvare le leggi!

Già, ma non sarà mica che la velocità dell’iter di una legge fino ad oggi è sempre stata direttamente proporzionale all’interesse personale dei parlamentari o di chi li controlla?

In ogni caso è lampante che la lentezza con cui vengono approvate le leggi non dipende solo ed esclusivamente dal bicameralismo perfetto. Se il Parlamento vuole approvare in fretta una legge lo può fare in meno di tre settimane, come ha dimostrato con il “Lodo Alfano”.

Somatotropina

mozzarellabufalacampanadopantichisaporiChe cos’e la somatotropina?

La somatotropina (o ormone della crescita) è un ormone prodotto, accumulato e liberato nell’organismo dall’ipofisi, una ghiandola endocrina che si trova al di sotto degli emisferi cerebrali, nella parte più profonda e protetta del cranio.

A cosa serve?

Questo ormone stimola lo sviluppo dell’organismo umano e di molti altri animali. Quando in età infantile ne viene prodotto o secreto poco, la crescita rallenta o si arresta, provocando il cosiddetto nanismo ipofisario, nel quale le proporzioni corporee sono del tutto normali. Al contrario, una secrezione maggiore rispetto alla norma, provoca durante lo sviluppo il cosiddetto gigantismo ipofisario, sempre con proporzioni corporee del tutto normali.

Perché la somatotropina viene somministrata volontariamente agli animali?

Oltre al ruolo giocato nella crescita dell’organismo, la somatotropina induce anche un aumento nella sintesi delle proteine. E’ questo il motivo per cui certi culturisti ne fanno uso (ed abuso), quando vogliono incrementare di molto la loro massa muscolare. Analogamente, migliorando la sintesi proteica, la somatotropina viene somministrata agli animali da reddito per ottenere un aumento delle masse muscolari più rapido e consistente, con risultati economici notevoli nella produzione della carne. Oppure nelle vacche lattifere per indurre una maggior produzione di latte, compresa tra il 10% ed il 20%. L’ormone utilizzato a tal fine non è però quello naturale, bensì una copia geneticamente modificata (ormone della crescita ricombinante) e commercializzata liberamente negli Stati Uniti da una multinazionale.

Che problemi di salute può provocare?

La somatotropina è un ormone specie-specifico, ossia agisce solo nell’animale che la produce e, se somministrata, negli animali appartenenti alla stessa specie. Di conseguenza la somatotropina bovina non produce effetti nell’uomo e negli altri animali, così come la somatotropina umana agisce solo negli esseri umani. Inoltre, quando viene somministrata ad animali in lattazione, non se ne trovano residui nel latte, in quanto viene metabolizzata dal fegato. Tuttavia questo uso della somatotropina bovina è stato vietato alla fine degli anni ’80 dall’Unione Europea, dal Canada e da altri paesi. Il motivo del divieto non era però finalizzato alla tutela della salute dei consumatori, ma riguardava la tutela della salute e del benessere degli animali che, se trattati con somatotropina vanno incontro a gravi problemi di salute (infertilità, maggior predisposizione alle mastiti, farmaco-dipendenza). Alla luce delle più recenti acquisizioni scientifiche, l’uso della somatotropina ricombinante nelle bovine da latte non sarebbe però del tutto privo di conseguenze per la salute umana. Se un animale viene trattato con somatotropina ricombinante viene stimolata la produzione di un altra molecola naturale (IGF-1 o fattore di crescita 1 insulino-simile) che finisce anche nel latte, in cui quindi ne aumenta la quantità. A differenza della somatotropina che è specie-specifica, l’IGF-1 bovino è attivo anche nell’uomo, ed alcuni studiosi ritengono che possa concorrere a provocare tumori al seno, alla prostata e al colon (Samuel Epstein, “Why is American Milk Banned in Europe?”)

Cosa è stato fatto?

Visto che la somatotropina non si trova nelle carni e nel latte è impossibile ricercarla negli alimenti posti in commercio. Di recente l’Unione Europea ne ha tuttavia vietato l’uso proprio per la presenza di tassi elevati di IGF-1 nel latte delle bovine trattate. La decisione dell’Unione Europea si fonda quindi sul cosiddetto principio di precauzione, per cui se non si ha la certezza che una sostanza non abbia effetti negativi sulla salute umana non può venire utilizzata. Questo divieto riguarda l’impiego negli allevamenti di altri sei ormoni (17beta-estradiolo, progesterone, testosterone, zeranolo, trembolone e melengestrolo acetato) che invece, come la somatotropina, sono liberamente utilizzati negli Stati Uniti ed in numerosi altri Paesi per migliorare la crescita dei vitelli e di altri animali. Tale divieto è esteso anche all’importazione di latte e di carni ottenute da animali sottoposti a trattamento con sostanze ormonali. Attualmente le carni ed i prodotti di origine animale posti in commercio in Italia risultano essere tra gli alimenti più controllati grazie all’opera dei servizi veterinari delle ASL e ad una rete di laboratori (Istituti Zooprofilattici Sperimentali) che dipendono dal Ministero della Salute e quindi perseguono l’obiettivo prioritario della salute pubblica. L’uso fraudolento di sostanze non consentite da parte di una minoranza di allevatori disonesti è comunque è ancora presente, per cui è importante mantenere un’elevata azione di tutela della sicurezza alimentare da parte delle istituzioni pubbliche.

Published in: on domenica, 5 aprile, 2009 at 9:07 pm  Lascia un commento  
Tags: , , , , , , , ,